Chi siamo
Ordini del Mistero
Leggende
Leggende della natura
Contatti
Bibliografia
Itinerari
Partners & Collaborazioni

VENETO – MISURINA (BELLUNO)

LA LEGGENDA DELLO SPECCHIO DI MISURINA

C'era una volta un papà di nome Sorapiss e una bambina di nome Misurina. Il papà era un gigante e la bambina tanto carina e tanto piccina gli stava nel palmo della mano, ma era anche così vivace e monella da essere la disperazione di tutti al castello. Misurina rubava la parrucca ai valletti, calpestava lo strascico alle dame di compagnia, rovesciava la cipria. Il papà la scusava e Misurina cresceva sempre più insopportabile con certi desideri e pretese che la luna era nulla per lei! Misurina era anche molto curiosa ed un giorno la nutrice le parlò dello specchio “tuttosò” dove bastava specchiarsi o far specchiare qualcuno per sapere tutto quello che si vuole sapere di lui o di lei. Misurina corse dal papà tutta eccitata e tra pianti ed urla gli strappò la promessa del nuovo regalo, ma quando Sorapiss seppe che si trattava dello specchio “tuttosò”, impallidì. Lo specchio apparteneva alla fata del Monte Cristallo. Sorapiss si mise in testa la corona e si recò al castello della fata che abitava proprio di fronte. La fata si mise a ridere e disse che conosceva Misurina dalle strilla dei suoi capricci; accondiscese a dare a Sorapiss lo specchio ad un patto. Il suo giardino era battuto dal sole e aveva bisogno di una montagna che gli facesse ombra: Sorapiss avrebbe dovuto trasformarsi in quella montagna! Il re sudò freddo eppure accettò. Allora la fata che lo vide così smorto, gli propose di tornare al castello e dire a Misurina a che condizione poteva avere lo specchio “tuttosò” e se lei per amore del padre non avesse accettato, poteva rimandarglielo. Sorapiss tornò al castello e Misurina l'attendeva  sullo spalto più alto; la prese in mano e le riferì l'ambasciata della fata. Misurina gli disse di non pensarci che doveva essere bellissimo diventare una montagna e coprirsi di boschi e prati su cui lei poteva correre. La condanna era stata decretata e non appena afferrò lo specchio, Sorapiss si ampliò, gonfiò, impietrò e si trasformò nella montagna che ancora si erge di fronte al Monte Cristallo. Misurina trovandosi a quell'altezza, sulla cresta di una montagna nuda e bianca lanciò un grido terribile e precipitò giù con lo specchio. Allora dagli occhi semispenti di Sorapiss iniziarono a scendere  lacrime e lacrime finchè gli occhi si spensero del tutto. Con quelle lacrime si è formato il lago sotto cui giacciono Misurina e lo specchio e in cui Sorapiss si riflette e cerca la sua bimba morta.

Isabella Lughezzani:  [email protected]

Hotel Nettuno

Hotel La Perla

San Clemente Palace Hotel & Resort


Come raggiungerla

Da: Belluno
A: Misurina

In auto:
82.3 km – circa 1 ora 28 min
1. Procedi in direzione est da Via Carrera verso Piazza Santo Stefano
72 m
2. Svolta a sinistra a Piazza Santo Stefano
65 m
3. Prosegui su Via Simon da Cusighe
0.3 km
1 min
4. Prosegui su Via Vittorio Veneto
2.0 km
4 min
5. Prosegui su SS50/ Via Tiziano Vecellio
Continua a seguire la SS50
5.1 km
6 min
6. Svolta a sinistra a SS51/ Viale Cadore
Continua a seguire la SS51
30.3 km
32 min
7. Svolta leggermente a destra su SS51bis
11.9 km
14 min
8. Svolta leggermente a destra su SS52
4.4 km
4 min
9. Prosegui su Via Cima Cogna/ SR48
Continua a seguire la SR48
25.4 km
25 min
10. Svolta a sinistra per rimanere su SR48
0.4 km
1 min
11. Prosegui su SP49
2.2 km
2 min

Misurina
Auronzo BL